Loading...

Cerca nel blog

mercoledì 31 agosto 2011

stipendio alto e diritti uguali

Siamo in Italia, un paese dove tutto è permesso, tutto è lecito e tutti possono tranquillamente evadere,pretendere ed anche essere popolari.
Questo mio articolo vuole mettere in evidenza il mondo del pallone, mondo dorato,tranquillo e celebre.
La media di uno stipendio di un calciatore di serie A del nostro campionato è di 700 mila euro netti l'anno.
La serie A ha scioperato la prima giornata di campionato, lasciando senza pallone milioni di italiani ed allora vi racconto una storia, tutta italiana.
Ogni mattina, il Signor G si alza alle ore 6,00, prende il suo caffè a casa con la moka, bacia la moglie ed i suoi 3 figli e va a lavorare in cantiere, dove per ogni giornata guadagna, in nero, 40 euro, senza contributi e stando attento a non farsi male perchè dovrebbe rimanere a casa e non potrebbe portare soldi alla famiglia, dove la moglie fa la casalinga ed i tre figli sono troppo piccoli e non vanno ancora all'asilo.
Il Signor G ha un unico piacere, quello del calcio, che non può vedere in televisione, SKY o Mediasetpremium costano molto e quindi ascolta alla radio le partite di calcio.
I signori del pallone, scioperando rendono la quotidianità del Signo G, amara, non permettendogli l'unico piacere della sua vita.
Allo sciopero, che ricordiamo è stato proclamato anche per non pagare il contributo di solidarietà, che permetterebbe di risanare in parte un debito italiano, facendo modo che anche il Signor G possa usufruire dei benefici strutturali che lo interessano, asili,trasporti ed altri,SKY ha messo in onda uno spot che divinizza i calciatori, vestendoli da santi e beatificandoli.
Tutto questo succede nel nostro caro paese ITALIA. Auguri Italia

Nessun commento:

Posta un commento