Loading...

Cerca nel blog

mercoledì 16 marzo 2011

Nucleare

Ritengo irresponsabile, da parte dei nostri politici (sinistra - centro - destra), parlare di nucleare, dopo la catastrofe che in questi giorni colpisce l'intero Giappone.
Non si parla più delle vittime, dei dispersi, dei danni ingenti alle strutture abitative, ma si parla soltanto del pericolo nucleare, del siamo d'accordo o siamo contrari.
Il nostro paese, l'Italia, è circondato da centrali nucleari, al confine vi sono circa 12 centrali nucleari.
Durante una riunione a Bruxelles, i ministri dell'economia di tutta Europa, hanno concordato la messa in sicurezza di tutti gli impianti nucleari ed il cancelliere democristiano Angela Merkel ha annunciato la chiusura provvisoria delle sette centrali più vecchie del paese tedesco.
Allora mi chiedo, non fosse successa la catastrofe in Giappone, cosa si aspettava per mettere in sicurezza tutte le centrali nucleari in Europa ?
Ricordo soltanto che siamo in Italia, un paese dove creare strutture nuove è semplice, rimediare i fondi è semplicissimo ma non lo è altrettanto monitorare nel tempo le strutture. Il timore è che una volta aperta una centrale nucleare in Italia, la si festeggi con grande entusiasmo, ma dopo non la si controlli in maniera adeguata.

Nessun commento:

Posta un commento